Cattivo odore della lavastoviglie? Ecco cause e rimedi


decoration
24/10/2022

La soluzione per rimuovere i cattivi odori dalla tua lavatrice

Un semplice rimedio per risolvere i cattivi odori della tua lavatrice

Scopri da dove provengono i cattivi odori e come pulire al meglio la tua lavastoviglie

Esce cattivo odore dalla lavastoviglie? Per quanto sgradevole, per fortuna non è un problema irrisolvibile. Anzi, con poco sforzo e con qualche semplice rimedio la regina degli elettrodomestici salva-tempo. tornerà a fare egregiamente il suo lavoro senza sgradevoli odori. La lavastoviglie è una grandissima alleata in cucina, occupandosi di quella noiosissima attività del lavare pentole, piatti, bicchieri e stoviglie. Con la lavastoviglie basta caricare l’elettrodomestico, aggiungere il detersivo o le pastiglie, avviare il programma selezionato e lasciar fare tutto a lei, avendo tempo di dedicarsi ad altro. Ma quando si presentano i cattivi odori la tentazione è spesso quella di lasciare la lavastoviglie chiusa e spenta.

Per fortuna nella maggior parte dei casi non serve chiamare un tecnico né cambiare l’elettrodomestico, ma basta effettuare appositi controlli e svolgere qualche piccola e semplice azione per ripulire la lavastoviglie e farla tornare come nuova.

Ma quali sono le cause che provocano questi cattivi odori? E quali i rimedi? Leggi i nostri consigli e troverai la soluzione al tuo problema

Le cause del cattivo odore della lavastoviglie

Le cause del cattivo odore della lavastoviglie possono essere riassunte in cinque punti:

  • Una cattiva manutenzione
  • Il filtro ostruito o sporco
  • I bracci di lavaggio da pulire
  • Residui di cibo, incrostazioni o muffa
  • Accumuli di calcare

Vediamone una alla volta più nello specifico.

Premessa: quando cominci a sentire odori poco piacevoli non utilizzare la lavastoviglie e risolvi subito il problema perché potresti causare più danni che benefici alle tue stoviglie.

Una scarsa o errata manutenzione

È la causa principale, che in realtà provoca anche tutte le altre. Come ogni elettrodomestico, anche la lavastoviglie ha bisogno di una manutenzione periodica, affinché continui a lavorare senza intoppi o problemi.

Il filtro ostruito o sporco

Quando il filtro della lavastoviglie è sporco oppure ostruito da residui di cibo, l’acqua non viene eliminata nel modo corretto durante i cicli. Questo porta a lavaggi non efficaci e al diffondersi di cattivi odori.

Il filtro potrebbe anche essere stato montato in modo errato e non funzionare per questo motivo. Si tratta infatti del primo elemento da controllare in caso di odori spiacevoli, anche se in generale è consigliato visionarlo almeno una volta al mese, soprattutto se non si effettuano lavaggi frequenti ed è più probabile che dei residui si accumulino senza essere sciacquati via.

I bracci di lavaggio da pulire

Se il filtro è ostruito la sporcizia si accumula anche nei bracci di lavaggio, che devono quindi essere lavati (ma ricorda: il primo step è sempre il controllo del filtro stesso!).

Residui di cibo, incrostazioni o muffa

Caricare l’elettrodomestico con stoviglie, piatti, posate e bicchieri a cui sono rimasti attaccati dei residui o che vengono inseriti nel modo scorretto impedisce di ottenere una pulizia efficace e può dare vita a cattivi odori e a incrostazioni.

Inoltre, frammenti di cibo possono accumularsi nel filtro e nei bracci, portando alla proliferazione di muffe e batteri.

Accumuli di calcare

C’è poi il problema della durezza dell’acqua corrente, che può creare nel tempo degli intasamenti di calcare all’interno delle componenti della lavastoviglie o persino nelle tubature. Il calcare accumulato, sintomo di un’acqua con una durezza molto elevata, può così rivelarsi una grande fonte di odori sgradevoli.

Come eliminare i cattivi odore dalla lavastoviglie?

Una volta individuate le cause, passiamo alle soluzioni: accorgimenti semplici e spesso molto intuitivi, da affrontare con lo spirito giusto e senza scoraggiarsi troppo.

La manutenzione: prevenire è meglio che curare

Per la manutenzione, si consiglia di effettuare un ciclo di lavaggio a vuoto della lavastoviglie ogni 4-6 mesi.

Prima di avviare il ciclo, svuota completamente l’elettrodomestico e togli manualmente eventuali residui di cibo o sporco dal filtro e dall’area circostante. Avvia un programma con una temperatura di almeno 65° e attendi che il lavaggio sia terminato.

Questo piccolo accorgimento ti eviterà di incappare in numerose problematiche e allungherà la vita della tua lavastoviglie.

Consiglio: puoi utilizzare degli appositi prodotti per la manutenzione, che rimuovono unto e residui di cibo.

Pulire il filtro per togliere il cattivo odore

Per accedere al filtro della lavastoviglie è necessario rimuovere i cestelli, svuotando l’intero vano, così da poter lavorare liberamente. Il filtro si trova sul fondo, da dove estrarlo con facilità.

Dopo aver smontato i componenti del filtro, lavali uno a uno sotto acqua corrente calda utilizzando una piccola spazzola delicata per assicurarti di togliere ogni residuo. Niente spugne abrasive, potrebbero danneggiarlo!

Dopo il lavaggio, riassembla il sistema di filtraggio posizionalo al suo posto, all’interno della lavastoviglie, facendo attenzione a fissarlo bene. Ricorda, infatti, che anche un filtro montato in modo scorretto può causare problemi.

Consiglio: per estrarre e rimontare il filtro segui sempre le indicazioni riportate sul libretto delle istruzioni relative al tuo elettrodomestico e svolgi questa attività con dei guanti protettivi, in modo da evitare eventuali schegge o frammenti di vetro che potrebbero essersi incastrati al suo interno.

Pulire i bracci di lavaggio

Anche per pulire i bracci di lavaggio è indispensabile estrarli. Svuota l’elettrodomestico, poi svita e togli i bracci. Puoi sciacquarli sotto acqua corrente, utilizzando una spazzola da cucina e uno stuzzicadenti per rimuovere ogni residuo anche dai piccoli fori. Dopodiché, potrai rimontarli.

Pulire gli altri componenti interni

Quante cose inseriamo ogni giorno nei cestelli? È quindi inevitabile che ogni tanto ne risentano anche loro. Estrai un cestello alla volta, compresa la vaschetta per le posate, e sciacqua il tutto sotto acqua corrente, togliendo eventuali incrostazioni con i prodotti appositi o dell’aceto o un po’ di succo di limone se preferisci i metodi naturali.

Igienizzare sportello, pareti e guarnizioni

Per togliere gli odori sgradevoli ed eliminare il calcare o altre incrostazioni, una buona pratica consiste anche nel pulire lo sportello e le pareti interne della lavastoviglie, magari utilizzando una soluzione di acqua e aceto bianco o altri prodotti dedicati. E anche la guarnizione deve essere controllata e tenuta pulita.

Consiglio: dopo aver igienizzato le parti interne della lavastoviglie, lascia lo sportello aperto per qualche ora, così da permettere all’elettrodomestico di asciugarsi completamente.

Prevenire accumuli di calcare

Se il calcare si è accumulato nelle tubature, è necessario chiamare un idraulico specializzato. Per prevenire accumuli all’interno della lavastoviglie puoi invece inserire del sale nell’apparecchio oppure decidere di installare un addolcitore dell’acqua nell’impianto.

Togliere i grossi residui prima di lavare

Il programma di risciacquo può rivelarsi un grande amico, soprattutto quello ad alte temperature, ma è sempre buona abitudine pulire con attenzione utensili, piatti, pentole e posate prima di avviare qualunque programma.

Come abbiamo visto, inserire oggetti a cui sono rimasti attaccati frammenti di cibo compromette il ciclo di lavaggio e rischia di sporcare l’elettrodomestico stesso e il suo filtro. Evita quindi di caricare la lavastoviglie con piatti ancora contenenti residui di alimenti, padelle troppo sporche di sugo o casseruole particolarmente incrostate.

Consiglio: per un lavaggio ottimale, è importante anche sapere come caricare correttamente la lavastoviglie, in modo che ogni elemento si incastri alla perfezione e tutto ne esca perfettamente pulito e splendente.

Eliminare i cattivi odori con i rimedi naturali

Come abbiamo visto per altri elettrodomestici, il limone e l’aceto si dimostrano utili alleati anche nella pulizia della lavastoviglie e nella lotta ai cattivi odori. Hanno infatti grandi proprietà igienizzanti.

Così come il sale, indispensabile per contrastare la durezza dell’acqua.

Cattivo odore della lavastoviglie nuova: da dove proviene e come toglierlo

Se la tua lavastoviglie è stata appena installata ed emana cattivi odori, molto probabilmente il problema ha a che fare con un’installazione scorretta. In questo caso, la cosa migliore è chiamare il tecnico che si è occupato del montaggio per evidenziare il problema e risalire alla soluzione insieme.

Cosa fare in caso di odore di fogna?

Se il cattivo odore che si percepisce è una puzza di fogna, il problema potrebbe essere legato alle tubature, allo scarico o all’intero impianto idraulico. Sarà quindi indispensabile rivolgersi a un esperto per verificare e risolvere la questione.

Cosa fare se il problema persiste?

Se hai provato con ogni metodo e rimedio ma il risultato non cambia e il cattivo odore non vuole andarsene, il consiglio è rivolgersi a un tecnico specializzato.


Tags: lavastoviglie, odori
Share: